Browse By

Tecnicaer: le nuove sfide della realtà guidata da Fabio Inzani

Proseguono gli impegni di Tecnicaer Engineering, di cui Fabio Inzani è Presidente, Amministratore Delegato e Direttore Tecnico: la società di Ingegneria Integrata offre soluzioni innovative per strutture ospedaliere e sanitarie, scolastiche, sportive, terziarie, militari e carcerarie grazie all’utilizo di metodologie e software di ultima generazione. Tecnicaer è impegnata in molteplici interventi di riqualificazione di strutture presenti sul territorio nazionale. L’Ospedale del Mugello in provincia di Firenze, a Borgo San Lorenzo, punto di riferimento per il territorio e verrà adeguato dal punto di vista sismico al fine di rendere questa struttura strategica, un luogo sicuro ed efficiente: il progetto prevede la ristrutturazione, l’ampliamento, la riqualificazione edile, impiantistica e sanitaria e la messa in sicurezza dell’intera struttura grazie all’isolamento sismico alla base. Proseguono inoltre i lavori presso l’Ospedale Giuseppe Fornaroli di Magenta “grazie a un intervento di ristrutturazione, adeguamento sismico e allestimento della nuova modernissima area dedicata all’high care con Blocco Operatorio, Rianimazione, Emodinamica e Terapia Intensiva Coronarica”. In aggiunta, Tecnicaer darà un nuovo aspetto ai reparti Materno Infantili di Ostetricia e Ginecologia progettando spazi più accoglienti e confortevoli. Il team guidato da Fabio Inzani, è coinvolto anche nel nuovo ampliamento presso l’Ospedale di Prato.
L’operato di Tecnicaer mantiene il focus anche sull’aspetto green degli interventi progettuali che danno vita a nuovi edifici caratterizzati dal basso impatto energetico: le strutture realizzate con materiali naturali e riciclabili mirano a ridurre le emissioni di gas serra e il consumo energetico garantendo così un forte equilibrio tra l’uomo e la natura circostante. Importante ambito di intervento per Tecnicaer è anche quello delle strutture penitenziarie con un approccio moderno, finalizzato ad umanizzare gli spazi e creare luoghi ideali per la rieducazione e il reinserimento nell’ambiente sociale. Un esempio è il carcere di Nola, un progetto innovativo creato ispirandosi al modello scandinavo: disponibilità di celle singole, niente mura perimetrali, niente più sbarre alle finestre, campi sportivi, piscina, teatro e laboratori costituiranno l’edificio del nuovo istituto penitenziario in provincia di Napoli. Tutti i progetti realizzati rispecchiano la filosofia della realtà guidata da Fabio Inzani, l’operato del team garantisce infatti sicurezza, benessere, sostenibilità ambientale, innovazione e inclusione sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*