Browse By

L’intervento di Elisabetta Ripa al secondo incontro dell’EY Summit sulle infrastrutture

Nel corso del secondo incontro in streaming dell’EY Summit sulle infrastrutture, tenutosi il 26 maggio, si è tornato a parlare di transizione energetica e digitale e di come stimolare la domanda da parte delle filiere produttive. Tra i partecipanti diversi big come Enel, Open Fiber, Microsoft, Tim ed Eni. Partendo dalle possibilità date dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, i key player hanno ipotizzato le strade da intraprendere per questo percorso di transizione. Elisabetta Ripa, CEO di Open Fiber, ha iniziato il suo discorso con una constatazione inopinabile, ovvero che “la trasformazione che stiamo vivendo è una trasformazione radicale e attraverserà tutti i settori industriali”, alla quale è seguita ovviamente una considerazione sull’accelerazione in tal senso da parte della pandemia: “con il Covid siamo stati fortemente esposti alla digitalizzazione e abbiamo preso coscienza di come il digitale possa impattare sulla nostra vita sia personale che professionale, ma ancora non abbiamo compreso a pieno quello che sarà la trasformazione digitale sull’industria e sulla trasformazione delle diverse filiere produttive, che tenderanno ad essere non solo interconnesse, ma molto più unite al punto da rendere più difficile individuarne i confini”. In un mondo digitale, dove la connessione è ormai una prerogativa indispensabile, Elisabetta Ripa sottolinea che “il minimo comune denominatore della giornata di oggi, della distribuzione energetica e della distribuzione vicino all’utilizzatore e la trasformazione in generale dei processi, ha come fattore abilitante la connettività. Ovvero la disponibilità di un’infrastruttura di telecomunicazioni che sia in grado di supportare questa mole enorme di dati, e di farlo attraverso una modalità distribuita sul territorio con una copertura il più possibile capillare, non solo delle grandi aree metropolitane ma anche dei centri rurali”. Non basta però una qualsiasi rete internet per far fronte a una trasformazione di tali dimensioni. “Per rendere possibile la trasformazione di cui abbiamo parlato è fondamentale avere una rete internet interamente in fibra, per questo diventa ancora più importante accelerare la realizzazione di infrastrutture. Questo è possibile non solo attraverso la disponibilità di mezzi finanziari (a cui possiamo più facilmente accedere vista la molta liquidità e l’interesse verso investimenti con un così importante ritorno), ma attraverso riforme strutturali che ci consentano di mettere a terra progetti e una seria riforma del lavoro, che ci conceda di accedere in maniera flessibile a quelle competenze e risorse umane di cui abbiamo bisogno per rendere possibile questa rivoluzione digitale”, ha dichiarato Elisabetta Ripa.

Per maggiori informazioni:
https://www.affaritaliani.it/economia/notizie-aziende/ey-summit-transizione-digitale-ed-energetica-due-pilastri-per-il-paese-742075.html?refresh_ce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*